Affrontare una situazione nuova può fare paura, ma sono le situazioni nuove che ci permettono di vivere.

Nel tempo ho imparato che quando fa freddo tutti scappano, pensiamo per esempio alle crisi economiche. Le crisi economiche sono quasi sempre secondo me create ad arte affinché la gente possa diventare schiava. Obbligano ad affrontare una situazione nuova, fanno paura e per questo molte persone sono disposte a scendere a compromessi.

Le crisi economiche sono come abbassare la temperatura ed è allora che tutti scappano. Basta creare una forte crisi economica, la gente ha paura di non farcela ed è disposta anche a lavorare gratis, pur di appagare la sua paura.

In realtà dovrebbe essere il contrario, quando c’è una forte crisi economica c’è il terreno libero per costruire perché mentre tutti stanno cercando sicurezze nessuno sta costruendo, perché se ci pensi bene le gemme nascono in inverno, non le vede nessuno, troppo occupati al freddo.

Costruire mentre tutti scappano, hai tutto il tempo per costruire.

Normalmente invece le persone quando costruiscono? Quando si è in piena bolla, che tutti fanno, soldi per tutti, vacche grasse per tutti. Si fanno trascinare: “aspetta che lascio il lavoro che vado a costruire anche io, se lo fanno gli altri sono capace anche io”. E invece forse era il momento per tirare i remi in barca.

E’ il contrario: i campioni si vedono quando fa freddo fuori, quando c’è crisi e tu non molli, e dici “non li abbasso i pantaloni”. Io so offrire qualcosa al mondo, so cucinare, so programmare, so fare bene il mio lavoro. Prima o poi avrete bisogno di qualcuno che mandi avanti il mondo, vero? Il denaro non fa andare avanti il mondo, è in quel momento che crescono le società. Ed è in quel momento che invece di scappare hai affrontato una situazione nuova e hai vinto.

Le crisi economiche sono un po’ come affrontare una situazione nuova nella vita di tutti i giorni. Non scappare, non avere paura perché è in quel momento che stai costruendo la tua vita. E’ in quel momento che stai crescendo.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here