Dott. Davide Munaro - Mobile: 339/2741703 - Anche con Whatsapp! - Studio Brescia: 030/2427331 - Email: info@psicologo-brescia.it

  • Home
  • Attività Cliniche
  • Bulimia nervosa

Bulimia Nervosa

“Un’inquietante variante dell’anoressia nervosa” (Russel, 1979)

La prima descrizione della bulimia nervosa è stata fatta nel 1979 da Russel il quale intitolò un articolo nello stesso modo che io ho ripreso nel presente articolo: “Bulimia nervosa un’inquietante variante dell’anoressia nervosa”.

Il titolo, senza dubbio d’impatto delinea chiaramente quanto sia insidiosa e subdola la bulimia nervosa. Questa patologia, annoverata tra i disturbi psichiatrici, è di difficile diagnosi in quanto, a differenza dell’anoressia nervosa, le ragazze che ne sono affette risultano normopeso. Il disturbo colpisce l’1% della popolazione, prevalentemente femminile, di età compresa tra i 12 ed i 25 anni, con un picco di età che si aggirà intorno ai 17-18 anni. Il termine “bulimia”, letteralmente indica “fame da bue” , come l’anoressia, è caratterizzata da un ciclo autoperpetuante di:

  • Preoccupazione per il peso e le forme del corpo
  • Dieta ferrea
  • Abbuffate compulsive
  • Condotte di eliminazione

I tratti di personalità tipici delle persone che soffrono di questo disturbo sono correlati a:

  • Bassi livelli di autostima
  • Perfezionismo
  • Pensiero dicotomico
  • Difficoltà a controllare gli impulsi

Come per l’anoressia, il disturbo ha un’origine multifattoriale. Si è riscontrato in molti casi come la bulimia origini da situazioni di stress, o da eventi minaccianti l’autostima (p.e. insuccessi scolastici, delusioni sentimentali..) ma anche dopo molti tentativi di perdere peso attraverso diete.

Per fare diagnosi di bulimia, il DSM-IV specifica che vi debba essere la presenza di abbuffate compulsive con comportamenti di compenso (vomito autoindotto, uso di purganti, lassativi, diuretici..) Esistono due tipi di bulimia (con e senza condotte di eliminazione)

Per abbuffate compulsive si intende assumere una franca quantità di cibo in un breve lasso di tempo, inoltre durante l’abbuffata, la persona esperisce una sensazione di mancanza di controllo sull’atto del mangiare. Inoltre, la valutazione di sé è inappropriatamente influenzata dalle forme e dal peso corporeo.

Dall’analisi della letteratura, avvalorata dalla lettura dei diari alimentari nella clinica, le abbuffate si innescano solitamente per sentimenti di frustrazione e di noia, il senso di colpa e la vergogna sono invece sentimenti provati dopo l’abbuffata.

Numerosi studi condotti presso l’Università di Oxford dal Prof.Fairburn, hanno permesso di dimostrare la validità scientifica della terapia cognitiva-comportamentale per la cura della Bulimia nervosa.

Se hai bisogno di ulteriori informazioni  contattami

Iscriviti alla mia newsletter

logo

Dott. Davide Munaro
Psicologo Psicoterapeuta Clinico
Mobile: 339/2741703
Contattami pure con Whatsapp!
Studio Brescia: 030/2427331
Email: info@psicologo-brescia.it

Facebook

Psicologo Brescia - Ipnosi Brescia - Dott. Davide Munaro, psicoterapeuta clinico e psicologo a Brescia - PIVA:03254340239 PEC:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ALBO N.R: 10038
  Note legali  - Credits

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento.